Sign In

Ecoinfo

Ultime News
Addio al pane e cioccolato?

Addio al pane e cioccolato?

Il cambiamento climatico e la siccità, unita a sporadiche piogge torrenziali sono la causa principale della preoccupazione che in un futuro, non troppo lontano, potremmo dover raccontare che: una volta esisteva il pane e il cioccolato.

Per quanto riguarda il pane, la continua crescita del prezzo dei cereali, dovuta alla minore produzione, ( sempre a causa del cambiamento climatico), per gli esperti le previsioni sono che entro il 2030, il prezzo potrebbe crescere almeno dell’80%.

E per il cioccolato?

Il pericolo che sia solo un ricordo non è lontano, perché, se le temperature aumentassero di altri 2/3 gradi, i campi di cacao sparirebbero o quasi.
Occorre sottolineare che: non sono allarmismi ingiustificati, ma queste notizie sono estrinsecate dalle ricerche, fatte da eminenti ricercatori del settore.

Non solo pane e cioccolato, ma anche caffè, uva e vino sono a rischio, l’aumento del clima potrebbe causare diminuzioni di produzione, sino a percentuali che sfiorano il 50%.
Eventi meteorologici estremi ai quali stiamo assistendo, in futuro influiranno anche su un significativo calo della produzione dell’orzo, (così si legge su Nature plants), di conseguenza, la birra, che è la bevanda alcolica più consumata nel mondo, subirà un notevole aumento di prezzo,
data la scarsità della materia prima per la sua produzione, e cioè, l’orzo.

Un accenno è doveroso rivolgerlo anche al miele, perché, sempre a causa del cambiamento climatico, assistiamo ad una moria di api preoccupante, senza precedenti.

Le cause del cambiamento climatico sono molteplici ma la principale è il riscaldamento globale, il famigerato “effetto serra”, che impedisce al calore e ai gas (prodotti dagli esseri umani), di dissolversi nell’atmosfera, la conseguenza è il riscaldamento della superficie terreste.

“Ecotime.ch”, non vuole sostituirsi a fonti scientifiche altamente qualificate, ma invita a non sottovalutare seri problemi, che potrebbero presentarsi fra alcuni anni, esortando all’attenzione continua, sulle argomentazioni che periodicamente propone.

Aziende consigliate per questo argomento specificoProfessionisti selezinati da ecotime.ch

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *